LA PAROLA SMARRITA

I Protagonisti di " L a Parola Smarr
ALESSIO BERTOLI
BARBARA FORLAI
BARBARA FORLAI
aggressione
MARGHERITA PIUBELLI
MARGHERITA PIUBELLI
ROBERTO AMISANO LORENZO MARTINELLI
FIORENZA ALINERI
EVA SANTANA
EVA SANTANA
EVA SANTANA
FABRIZIO RIZZOLO LORENZO MARTINELLI
FABRIZIO RIZZOLO LORENZO MARTINELLI
MARCO BERRY
MARCO BERRY
MARCO BERRY
ELENA MARO
SCENOGRAFIA
ELENA MARO
LA PAROLA SMARRITA
saluti
Roberto Amisano
Lorenzo Martinelli
Margherita Piùbelli
Fiorenza Alineri
Elena Maro
Eva Santana
Fabrizio Rizzolo
MARCO BERRY
ALESSIO BERTOLI

Sono un paragrafo. Clicca qui per aggiungere il tuo testo e modificami. Sono un posto ideale per raccontare una storia e condividerla con i tuoi utenti.

 

 

 

 

Lo spettacolo ha debuttato, in prima nazionale il 19  novembre 2015, al Teatro Alfieri di Asti come spettacolo di apertura della rassegna teatrale: GLI ALTRI - per rammentare i diritti e le persone con disabilità

La vicenda di Al Mindland, famoso professore di linguistica alla Harvard University, vuole essere atipica ed esemplare al tempo stesso. Atipica in senso clinico perché Al, quando gli viene diagnosticato il morbo, ha appena compiuto cinquantacinque anni: quindi soffre di una rarissima forma di Alzheimer precoce. Esemplare per la professione del protagonista, basata su quelle parole che sono il primo veicolo identitario di noi umani. Proprio delle parole, di una parola in particolare Al inizia a perdere il controllo mentre fa lezione, mentre parla al pubblico in sala del cervello e delle sue malattie più misteriose, proprio come l’ Alzheimer. Poco dopo Al si smarrisce in un luogo noto, che all’improvviso non riconosce più. È l’inizio di un crudele e inesorabile processo degenerativo cui la medicina non sa porre riparo. Allora Al Mindland  inizierà a cercare il proprio passato rappresentato scenicamente da un susseguirsi di frame, di fotogrammi dentro i quali scorrono, come in antichi home-movies, persone e momenti della sua vita: un pellicola di ricordi che si consuma però molto rapidamente bruciata dal morbo di Alzheimer. E poi, in un alternarsi tra finzione e realtà, classico del teatro di narrazione, i momenti in cui Al Mindland guarda se stesso sono invece lasciati (un voluto contrasto, l’implicazione tra le due memorie – umana ed artificiale -  ) alla tecnologia,  a un “computer complice” al quale il protagonista ha affidato le estreme testimonianze della propria identità.

 

L'ovvio epilogo è terribile così come lo svolgimento della storia, ma abbiamo tentato di realizzare uno spettacolo sincero augurandoci di richiamare autentiche emozioni e riflessioni con una regia che ho voluto “accompagnasse” gli interpreti , prima di tutto me stesso, senza eccellere in virtuosismi fuori luogo; una messa in scena quieta e composta, discreta e pudica ma soprattutto con un “tocco magico di favola e fiaba” che può apparire in contrasto rispetto alla terrificante patologia che racconta, fatta di silenzi e vuoti, qualcosa che ci abbandona senza far rumore… e invece no. Perché il protagonista attraverso la sua giovane, intelligente e sensibile nipote Margherita scoprirà di essere legato ( teatro nel teatro ), in alcuni toccanti momenti della pièce teatrale, da un duplice legame con Margherita: la malattia che distrugge le memorie dei nostri cari e “la storia di Altrove”, una magnifica fiaba, forse scritta dallo stesso Al Mindland – o forse no - , un mondo fantastico libero dal dolore dei ricordi, di una terra senza memoria in cui nulla mai si possiede e nulla perciò può andare perduto!

Lasciandoci così, durante lo svolgersi della vicenda, una rassicurante seppur piccolissima scia di speranza, quella speranza e forza che dobbiamo a tutti coloro che continueranno ad affrontare questa battaglia. E non solo a loro, ma a noi tutti perché l'arte ha il dovere sociale di dare sbocco alle angosce della propria epoca. L'artista che non ha accolto nel fondo del suo cuore il cuore della propria epoca, non è un artista e la macchina teatrale si propone di raccontare, di porgere al pubblico delle storie senza necessariamente dover spiegare  o fornire risposte/ soluzioni, ma piuttosto nuove domande, necessarie provocazioni , perché il teatro con il potere visionario è in grado di dare corpo ad una vicenda, che diventa lo strumento con cui comunica senza filtri, barriere o montaggi, diventando testimone obiettivo e imparziale del nostro tempo.

Guardiamo ormai distaccati senza battere ciglio a tutti i mali e a tutte le sofferenze di questo mondo come se fosse una favola brutta, irreale ma che non ci riguarda, alla fine dei conti!  Finché un giorno, senza preavviso, una realtà tragica irrompe improvvisamente nelle nostre esistenze cambiando per sempre le nostre vite.  Attraverso la finzione teatrale avremo la possibilità di guardare, come testimoni di una verità che ci scorre davanti agli occhi senza filtri e forse riusciremo a vivere l’emozione vera con tutti i suoi reali rischi, perché ogni volta che l’arte fa aprire una porta, automaticamente induce il pubblico a varcare una soglia che lo conduce “Altrove”. Così ogni volta che il teatro  racconta una storia, dà al pubblico la possibilità di scegliere. Gli si dà la libertà.

 

 

 

 

 

NOTE DI REGIA 

LA PAROLA SMARRITA

 

Scritto e diretto da Alessio Bertoli

 

Con

Alessio Bertoli

Barbara Forlai

Lorenzo Martinelli

Elena Maro

Fiorenza Alineri

Roberto Amisano

Margherita Piubelli

 

e con l'amichevole partecipazione di

Marco Berry

Fabrizio Rizzolo

Eva Santana

 

Sound design

Elena Maro

 

Event planner: Loredana Bosio

 

Service tecnico

Michele Demma

 

 

Riprese video

Valerio Oldano

 

 

Foto di scena

Giancarlo GK Rocco

IL TEASER

LA COLONNA SONORA

PRESS

La parola smarrita

La parola smarrita

La parola smarrita

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now